Articoli marcati con tag ‘svezzamento 6 mesi’

PostHeaderIcon Dessert di yogurt e frutta (dal 6° mese)

Dessert di yogurt e frutta

Preparazione: 5 minuti / 1 porzione

Ingredienti:

  • 125 g di yogurt al naturale e senza conservanti (1 vasetto)
  • 1/2 banana o mela o pera
  • 1 punta di cucchiaino di miele

Preparazione:

  • Sbucciate e grattugiate il frutto.
  • Unitelo allo yogurt e dolcificate con il miele.
  • Se il bebè non gradisce, meglio non insistere e riproporre lo yogurt dopo qualche tempo.

Lo yogurt è un ottimo alimento ad ogni età, molto digeribile, ricco di lattosio e proteine, acidi grassi, calcio e fosforo e fermenti lattici. Se il piccolo lo accetta, può essere la base di infiniti piccoli dessert alla frutta, da mantenere per tutta l’infanzia.


Lettura consigliata: Ebook "Mamme Unite – Ricette Per I Più Piccoli" di Manuela Silverswan http://www.mammeunite.it/OffertaSpeciale.html

PostHeaderIcon Al nido mangia tutto, ma a casa fa i capricci

Al nido mangia tutto, ma a casa fa i capricci

Quante volte a noi mamme succede? Il nostro piccolo sembra apprezzare molto di più i manicaretti del nido, che le nostre doti culinarie, e sebbene ci sforziamo di elaborare pappe sane e gustose, spesso a casa, il nostro piccolo fà i capricci per mangiare..perchè?

Bisogna fare prima di tutto un’osservazione: l’appetito di nostro figlio, che mangia al nido, dipende soprattutto dalle reazione di noi genitori. Infatti, per noi mamme è molto importante il pasto del nostro piccolo, che trascorre l’intera giornata fuori casa. Spesso però, è proprio questa la prima causa di ansia di noi mamme, perchè non abbiamo la situazione sotto controllo e non sappiamo se nostro figlio mangia (quanto e come). Ansia, che come si sa, si riflette sul piccolo. Ecco dunque qualche consiglio..

  • Anche se può non essere facile, impara ad accettare l’autonomia del tuo bambino mentre impara a mangiare da solo, dopo la fase di stretta dipendenza dell’allattamento e del primo svezzamento. Molte mamme, infatti, sono così peoccupate per la crescita del proprio bambino, che temono che a scuola il piccolo non assuma tutti i nutrienti necessari, come, per esempio, la paura che possa non mangiare la carne. Così ci sono bambini che non mangiano a casa, mentre si nutrono bene in classe, proprio perchè svincolati dalle aspettative familiari.
  • Trasforma il momento della pappa in un gioco e non in un conflitto con il tuo bambino! Molti genitori, infatti, vivono in modo più viscerale il fatto che il piccolo mangi poco o tanto, interpretandolo come un giudizio su se stessi, e traformando così il pasto del piccolo, in una piccola guerra. Bisogna invece prendera atto che  nostro figlio al nido, accetta la supervisione a distanza delle educatrici, che incoraggiano la sua atonomia, invece a casa "pretende" la nostra vicinanza.
  • Al nido e a scuola valgono regole che a volte saltano in famiglia e che danno più gusto al cibo che si consuma. Adotta quindi, anche tu qualche piccola buona regola durante i pasti di tuo figlio, come per esempio, niente TV mentre si mangia, e orari fissi, ma flessibili. Infatti è  importante che il piccolo possa manipolare e giocare con il cibo anche a casa, e non solo al nido! Quindi prenditi un po’ più di tempo e trasforma il pasto di tuo figlio in un momento da condividere serenamente tutti insieme.

 

PostHeaderIcon 10 passi verso lo Svezzamento

10 passi verso lo svezzamento

E’ finalmente arrivato il momento per il tuo bimbo di far assaggiare nuovi sapori. Ma come iniziare lo svezzamento? Ho ascoltato in merito, un gruppo di mamme alle prese con i loro "svezzamenti" e ho raccolto così i loro consigli. Ecco, dunque, i 10 passi più importanti da seguire verso uno svezzamento senza problemi:

  1. Il tuo bambino è pronto? Monia è la mamma di Lara, 16 settimane. Anche Luisa ha un bambino di 16 settimane, Diego. Lara però non è ancora pronta per affrontare i cibi solidi; Diego, invece sì! Si sa, non tutti i bambini sono uguali. Soprattutto per quanto concerne lo svezzamento, non esiste una "regola fissa" per tutti. Se il tuo bimbo non ha ancora 4 mesi o se è un bebè prematuro, ma tu ritieni che sia arrivato il momento, prima di iniziare lo svezzamento, consigliati con il pediatra: i reni del piccolo e il suo apparato digerente, infatti, potrebbero non essere ancora maturi per assumere i cibi solidi.
  2. Prepara l’attrezzatura. Serena, mamma del piccolo Simone (5 mesi) e di Matteo (3 anni) dice: "Con Matteo non ho avuto nessuna difficoltà ad iniziare lo svezzamento, anche se all’inizio non ero molto organizzata. Ora con Simone iniziare sarà molto più semplice! Vi consiglio di organizzare tutti gli "strumenti" prima, in modo da non trovarvi con un bambino che vi strilla come l’esorcista e la pappa schizzata sul soffitto!". Vi occorrono: un piatto (preferibilmente di plastica) o una terrina, diversi cucchiaini (quelli piccoli di plastica sono i migliori), alcuni contenitori con coperchio (per la congelazione) e un mixer da cucina (è molto importante che le pappe frullate siano prive di grumi). Poi, pulisci con cura tutto quello che utilizzi per preparare la pappa.
  3. Scegli il giorno e l’ora giusta. "A Denise, che ora ha 3 anni, ho iniziato verso i 5 mesi a farle assaggiare la frutta. All’inizio è stato un vero disastro! Non avevo assolutamente idea di come si svezzasse un bambino e quale fosse il momento giusto per iniziare. Poi ho imparato.. soprattutto a seguire il suo ritmo" dice Laura, mamma anche di Valentina (3 mesi). Come Laura, anche tu dovrai cercare di seguire il ritmo del tuo piccolo: quando decidi di iniziare lo svezzamento, scegli un momento in cui il tuo bimbo non sia stanco nè troppo affamato. Prova dopo che ha fatto il sonnellino o a metà poppata, quando ancora non è del tutto sazio. La cosa importante in questa fase iniziale è fargli conoscere sapori e consistenza dei cibi. Cerca dunque, di non essere ansiosa, poichè il tuo piccolo coglie ogni tuo stato d’animo.
  4. Soltanto un "pochino" di pappa per iniziare. Stefania, 6 mesi, non ne voleva sapere di assaggiare i nuovi cibi. La sua mamma ha risolto così: "..forse vedere il cucchiaino pieno di pappa la spaventava. Quindi ho iniziato con un pochino di crema di riso, mescolata al suo solito latte. Ho avvicinato il cucchiaino alle sue labbra e.. miracolo, la mia Stefy ha iniziato a succhiare il nuovo cibo!" Non è necessario, infatti, mettergli tutto il cucchiaino in bocca. All’inizio la quantità di cibo deve essere minima e potrà essere aumentata gradualmente.
  5. Quando gli dai la pappa, sorridi e parla con il tuo bebè. "Lory è davvero uno spasso quando gli do la pappa. Ridiamo e cantiamo insieme e lui sembra gradire ogni giorno di più i nuovi cibi.." dice Claudia, mamma di Lorenzo, 7 mesi. Se sarai allegra e molto rilassata, il tuo bimbo accetterà di mangiare più volentieri e scoprirete insieme che questo momento può anche essere davvero divertente.
  6. Non devi sforzarlo mai. Su questo punto tutte le mamme che ho avuto occasione di intervistare, sono state assolutamente d’accordo: lo svezzamento non è una gara a cronometro, il bambino ha bisogno di tempo per abituarsi ai nuovi sapori. Quindi, se volta la testa o sputa la pappa, è del tutto normale! Il piccolo non dovrà essere assolutamente obbligato a mangiare. Dagli il suo latte e domani proverai a riproporgli la sua pappa, magari cambiando sapore (se noti che non gradisce la crema di riso, prova a offrirgli un purè di carote). Non demoralizzarti: quando sarà il momento, le cose andranno meglio.
  7. Cerca di variare i gusti. Michela, mamma di Maria, 7 mesi, dice: "Ho iniziato da circa un mese a svezzare Maria. All’inizio per una settimana, le ho dato un po’ di crema di riso col latte. Poi ho aggiunto la frutta e ora sto introducendo la verdura. Sta andando tutto a meraviglia!". Ogni volta che cambi il tipo di alimento, devi continuare ad offrirglielo al tuo bambino per almeno quattro giorni consecutivi, questo per abituarlo meglio al nuovo sapore. Inoltre, abbi sempre cura di preparare pappe sufficientemente liquide.
  8. Spuntini per abituarlo a masticare. "Quando Mattia aveva circa 8 mesi" dice Teresa, sua mamma "a volte, tra una pappa e l’altra, gli davo per merenda pane tostato o una banana o un biscotto". Tra i sei e i nove mesi, il piccolo potrà fare tre pasti leggeri al giorno (avendo cura di non aggiungere mai il sale). Per merenda potrai offrirgli una fetta di pane tostato, un biscotto o altri cibi un po’ più solidi, ideali per abituarlo a masticare. Non lasciarlo però, mai solo mentre mangia questi alimenti, poichè potrebbe andargli un boccone di traverso.
  9. Lascia che pasticci con la pappa. Paola, mamma di Christian, 7 mesi: "Quando do la pappa a Christian la cucina si trasforma in un campo di battaglia. Christian si diverte a pastrugnare la pappa con le manine, con la faccia ma anche con i cucchiaini che gli do per giocare. Qualcosa alla fine gli entra anche in bocca!" Dopo i sei mesi, il piccolo vorrà tenere da solo il cucchiaino. Mentre gli dai la pappa, fallo giocare con un altro cucchiaino, così cercherà di mangiare da solo. Da questo momento il bimbo può mangiare di tutto (escluso l’uovo, che è bene introdurlo verso l’anno), sempre frullando i cibi o tagliandoli a pezzettini molto piccoli.
  10. Non svegliarlo per mangiare. Lucia, mamma di Marco, 8 mesi, all’inizio dello svezzamento ha adottato sin da subito un comportamento rigido, facendo mangiare il piccolo ad orari prestabiliti, senza mai cedere: "..ma presto mi sono accorta dell’errore. E’ del tutto inutile svegliare un bambino che dorme per farlo mangiare, perchè non mangerà! Anzi, Marco restava di malumore per il resto della giornata e spesso mi saltava anche il pasto successivo." E’ proprio così! Concordano in coro tutte le altre mamme. Se il piccolo sta dormendo durante l’ora in cui di solito mangia, non svegliarlo e lascialo riposare. Anche se dorme per parecchio tempo, significa che è proprio questo, quello di cui aveva realmente bisogno. Quindi aspetta che si svegli da solo e dagli da mangiare anche se è l’ora della merenda e quando arriva l’ora di cena, offrigli qualcosa di più leggero.

Inoltre..

COSA FARE

  • Controlla sempre la temperatura della pappa.
  • Lavati le mani prima e durante la preparazione delle pietanze.
  • Tieni pulito il ripiano da cucina, dove prepari la sua pappa.
  • Fai seguire a tuo figlio una dieta equilibrata.
  • Evita di aggiungere alle sue pappe dolcificanti, zucchero, miele, spezie e soprattutto il sale.
  • Se il bimbo ha meno si 6 mesi, devi evitare: formaggi non pastorizzati o formaggi molli, coe il gorgonzola; il latte vaccino; gli agrumi; le uova; gli alimenti che contengono glutine (leggi sempre gli ingredienti, sulle confezioni); succhi di frutta; patè di fegato; verdure fibrose, come il sedano.
  • Tra i 6 e i 9 mesi, quando il piccolo inizia a mangiare i formaggi e a prendere il latte vaccino, verso il primo anno di età, non dargli prodotti scremati o parzialmente scremati.
  • Verso il nono mese, il bimbo può mangiare quasi tutto. Da evitare le noccioline (soprattutto se in famiglia si sono verificate reazioni allergiche), il miele, le uova sode e i formaggi non pastorizzati.
  • Non devi mai dimenticare il latte. Durante lo svezzamento, assicurati che il tuo bambino assuma latte a sufficienza, sia materno che artificiale. Man mano che aumenterai la quantità di alimenti solidi, il piccolo vorrà bere meno latte, ma dovrai continuare a darglielo.

COSA NON FARE

  • Preparare alimenti crudi, servendosi degli stessi utensili che utilizzi per cucinare altri cibi.
  • Congelare i cibi nel momento in cui sono ancora bollenti: assolutamente sconsigliato!
  • Conservare i cibi che sono avanzati.

Letture Consigliate: http://www.mammeunite.it/

  • Malattie esantematiche – Quadro riassuntivo 20 novembre 2013
    Qui di seguito un quadro riassuntivo delle principali caratteristiche delle malattie infettive della pelle, spesso ad andamento epidemico, che colpiscono il bambino. Malattia Esantematica Tempo di incubazione (da quando si contrae a quando si manifesta) Durata infezione Come riconoscerla Che cosa fare VARICELLA 14-21 giorni Da 2 giorni prima a 5 giorni dopo […]
    admin
aprile: 2014
L M M G V S D
« nov    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
Ultimi Commenti

Aggregatore notizie RSS
Blog Directory
Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog!
Iscritto su SpreadRSS.com
Aggregato su SocialBlog
Health blogs
Webfeed (RSS/ATOM/RDF) submitted to http://www.feeds4all.nl
RSS Search