PostHeaderIcon Se il bambino non mangia (dai 15 ai 24 mesi)

Se il bambino non mangia

 Spesso il fatto che i bambini non mangino viene affrontato e vissuto come un problema. L'approccio più corretto, anche in questo caso, consiste nell'affidarsi all'osservazione e al buon senso: a fine giornata fate un bilancio di quanto il piccolo ha mangiato, mettendo in conto anche gli eventuali spuntini e merende.

Se il vostro bambino gioca, è sveglio e reattivo, corre e si diverte tutto il giorno, non è il caso di preoccuparsi troppo. Un altro aspetto da tenere presente è la costituzione della famiglia: è abbastanza improbabile, se non impossibile, che due genitori magri e filiformi mettano al mondo un piccolo 'colosso'.

I bambini, come si sa, ci obbligano costantemente a tenere ben desta la nostra capacità di osservazione; cercate dunque di capire, per quanto possibile, se il rifiuto del cibo è motivato, se il piccolo ha capito che la sua alimentazione è il vostro punto debole e continua a mettere alla prova questa vostra debolezza.

Ma cosa fare se il bimbo non mangia?

Cercate di mantenere la calma e non spaventatevi troppo. Decidete una linea da seguire e sforzatevi di mantenerla. Non caricate il momento del pasto con altre valenze emotive, facendo piuttosto mangiare il vostro piccolo prima degli adulti e creandogli attorno una situazione a lui più consona, apparecchiando un tavolino con le 'sue stoviglie', preparando la 'sua seggiolina', raccontando una fiaba..

Se vostro figlio a casa rifiuta il cibo, informatevi se all'asilo invece mangia, e, se necessario, parlatene con gli insegnanti.

Provate inoltre a semplificare i piatti che preparate: anzichè ricette complicate e sofisticate, cercate di preparare piatti semplici con sapori ben identificabili, in modo da capire facilmente quello che il bambino mangia volentieri e quello che non gli piace. Per capire bene quale cibo vostro figlio preferisce, eliminate carne, uova, latte, zucchero e formaggio per qualche giorno e verificate il suo comportamento. E soprattutto cercate di non offrire fuori pasto 'dannosi', come gelati, cioccolata, merendine, caramelle, biberon e succhi di frutta confezionati. Una volta individuati i cibi graditi, puntate su quelli, proponendo gli altri come semplici assaggi.

Intorno ai 2 anni di età potrete coinvolgere in qualche modo il vostro bambino nella preparazione della tavola, per esempio, facendolo giocare al 'cameriere che apparecchia, sparecchia o serve in tavola', e farlo partecipare alla preparazione del cibo attraverso l'esperienza diretta, come tagliare verdure lessate o grattugiare il formaggio. Se il bambino si sentirà coinvolto nella preparazione, sarà anche più facile che abbia rispetto per il cibo ed i pasti; diversamente si sentirà escluso ("Vai di là a giocare, che devo cucinare", oppure lo si 'parcheggia' davanti alla televisione per essere più liberi), il momento del pasto sarà quindi solo un soddisfacimento della fame, o un autentico supplizio al quale il bambino cercherà di sfuggire appena potrà.

____________________________________________________________________________________

  Lettura consigliata: Ebook "Mamme Unite Guida Pratica per Uscire Indenni da Pappa, Nanna, Pianto, Capricci e Vasino" di Manuela Silverswan http://www.mammeunite.it/OffertaSpeciale.html 

4 Commenti a “Se il bambino non mangia (dai 15 ai 24 mesi)”

  • admin scrive:

    Ciao Annalisa, ci sono bambini che non amano molto il latte, è vero, ma io sono del parere che se un alimento viene rifiutato così categoricamente un motivo c’è sempre. Soprattutto un alimento base come il latte. In tutta sincerità io farei fare delle prove allergologiche, come consigliato dal tuo pediatra, giusto per togliersi i dubbi. Non avere paura! Sii serena!

  • Annalisa scrive:

    Ciao sono mamma di due bimbe una di quasi 5 anni SOFIA e una di 15 mesi IRENE. Il problema è IRENE!!! Lei non ha mai apprezzato il latte (materno, artificiale) e non ha  mai avuto una così tanta voglia di mangiare più che altro spizzica…arriva a mangiare a pranzo 1 omogeneizzato (da solo) ed un pochino di pasta mentre a cena un pochino di pasta e 2 formaggini mio. merenda di solito uno yogurt. Il latte lo beve SOLO ED ESCLUSIVAMENTE mentre dorme ma ne beve dai 50 ai 150ml con 2 biscotti e mezzo!!! la bimba è MOLTO vivace e MOLTO intelligente e furba…il mio pediatra insiste sul farle fare le  analisi per le intolleranze…io HO PAURA di entrare in questo vortice…che fare? come cranio e peso sta al 5% mentre di altezza al 50% di percentile.
    grazie
    grazie

  • valentina scrive:

     
    Salve sono una mamma di 2 bambini di 18 mesi e 3 mesi e da circa 1 mese il grande rifiuta tutto pasta pizza carne pesce minestrina cioccolato inzomma tutto, mangia nell'arco della giornata 500 ml di latte con 8 biscotti questo frazionato tra colazione e o pranzo o cena.Merende zer, gli propongo di tutto,ho provato di tutto ma lui niente serra la bocca e allontana il piatto con qualsiasi cibo.Prende le vitamine nel latte ma nemmeno quelle gli stimolano l'appetito.Inizia a dimagrire anche se le analisi risultano tutte ok…non sò più cosa inventarmi…ualsiasi consiglio è ben accetto grazie…mamma disperata.

  • romina scrive:

    Buongiorno,
    leggeno l'articolo del "bimbo che non mangia" ho trovato un po' di  conforto, ma ho la necessità di esporre il mio problema.
    Mio figlio ha 15 mesi e sino a qualche girono fa si alimentava regolarmente con latte a colazione, tempestina ed omogenizati a pranzo,  frappè o yogurt il pomeriggio, tempestina o lattte la sera; il tutto rigorosamente tramite biberon. Con il cucchiaino mangia solo frutta, yogurt, fruttolo.
    Da qualche giorno, penso a causa di  un premolare, ha smesso di mangiare, o meglio cerco di fargli bere il latte mentre dorme, con il rischio che nella giornata assuma solo 250 ml di latte.
    Fortunatamente la vivacità non è mutata; ma a parte il periodo transitorio, non so come fare con l'alimetazione; diffida delle cose nuove che cerco di fargli assaggere, fa finta di leccarle e poi scappa.
    A volte penso di sbagliare in qualcosa…per favore aiutatemi.
    Grazie
    Romina

Lascia un Commento

  • Malattie esantematiche – Quadro riassuntivo 20 novembre 2013
    Qui di seguito un quadro riassuntivo delle principali caratteristiche delle malattie infettive della pelle, spesso ad andamento epidemico, che colpiscono il bambino. Malattia Esantematica Tempo di incubazione (da quando si contrae a quando si manifesta) Durata infezione Come riconoscerla Che cosa fare VARICELLA 14-21 giorni Da 2 giorni prima a 5 giorni dopo […]
    admin
agosto: 2014
L M M G V S D
« nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Ultimi Commenti

Aggregatore notizie RSS
Blog Directory
Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog!
Iscritto su SpreadRSS.com
Aggregato su SocialBlog
Health blogs
Webfeed (RSS/ATOM/RDF) submitted to http://www.feeds4all.nl
RSS Search